Impiegata già cinquemila anni fa in Cina per curare mal di gola, tosse, malaria e intossicazioni alimentari, viene citata anche da Ippocrate che la impiegava per le affezioni respiratorie e per l’asma. Le parti della liquirizia che vengono utilizzate sono la radice (rizoma) e gli stoloni, cioè i fusti orizzontali sotterranei.

La liquerizia è un valido preparato per trattare le ulcere ed è anche diuretica; contiene sostanze in grado di prevenire e combattere fenomeni infiammatori ed è un buon espettorante.

Svolge un’azione antivirale e antibatterica, risulta utile anche per combattere la cattiva digestione e il colon irritabile. Impiegata in diversi modi, può essere utilizzata anche in tisane per ottenere effetti lassativi.


No-Mas Healtcare

» Compresse
» Liquirizia pura
» Dentival
» Chewing gum
» Confetti
» Balsamiche
» Caramelle gommose
» Caramelle dure
» Gelatine

» Espositori



» Aloe
» Anice
» Arancio
» Carruba
» Eucalipto
» Ginepro
» Lichene islandico
» Liquirizia
» Menta
» Orzo
» Ribes nero
» Salvia



» Dalla A alla Z


» Informativa privacy
Astrelia sviluppa siti internet e applicazioni mobili a San Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno